L’E-Cat non e’ solo Andrea Rossi

Nel corso della corrispondenza quotidiana che Andrea Rossi scambia con il suo ‘pubblico’, l’Ingegnere ha ammesso che le persone coinvolte nello sviluppo dell’E-Cat sono un centinaio.

Possiamo quindi solo immaginare la quantita’ di spese che Rossi sta sostenendo, al punto da costringerlo a mettere in vendita la propria abitazione.

Ora la domanda sorge spontanea: che fine hanno fatto i segretissimi partner americani che lo stavano appoggiando nella sua ricerca? E’ possibile che tutti i misteri cosi’ sapientemente gestiti finora da Rossi si stiano ritorcendo contro di lui?

Ma possiamo star certi che se le cose dovessero andare secondo i suoi piani, il rientro economico potrebbe essere enorme.

Senza considerare che gli eventuali sviluppi ed utilizzi di questa invenzione profondamente innovativa avrebbero benefici a cascata su piu’ fronti: occupazionale, energetico, ambientale e molto altro.

Ma una delle cose che piu’ ci incuriosisce e’ ‘l’ingrediente‘ segreto che Andrea Rossi utilizza per far funzionare l’E-Cat. Finalmente scopriremo di cosa si tratta entro la fine dell’anno? Oppure Rossi riuscira’ a commercializzare la sua invenzione custodendo gelosamente il suo segreto? O ci terra’ ancora in sospeso per molto tempo ancora?

Ormai sappiamo che l’Ingegner Rossi non finira’ mai di stupirci, non resta altro da fare che aspettare i prossimi sviluppi.

 

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

Un commento per "L’E-Cat non e’ solo Andrea Rossi"

  1. Pietro Armando Ciriminna's Gravatar Pietro Armando Ciriminna
    marzo 14, 2012 - 10:21 am | Permalink

    Ci può stupire di cose ovvie come il riserbo usato per difendersi dalla concorrenza o da gruppi di potere che hanno l’interesse a osteggiare il progetto. Ci si può anche stupire del fatto che, con tanta propensione allo stupore, non ci si stupisca che il Governo Italiano non ha dimostrato il minimo interesse per un progetto potenzialmente rivoluzionario e che avrebbe un enorme impatto economico e sociale.

I commenti sono chiusi.