Andrea Rossi: dico cio’ che posso

Rossi_62

I lettori del blog di Andrea Rossi tenuto sul Journal of Nuclear Physics, sempre piuttosto numerosi e attenti, stanno cominciando a dar segni di impazienza e a muovere qualche piccola critica verso il recente atteggiamento tenuto da Rossi.

E’ stata pubblicata oggi infatti la lamentela di un affezionato lettore (che si firma Martin) che dice di aver sempre trovato interessante il blog e le risposte date da Rossi. Ma, continua, la scelta fatta in questo periodo di rispondere con una frase piuttosto standard e’ comprensibile ma certamente non interessante. Martin chiede poi esplicitamente se sia possibile ricevere regolari aggiornamenti settimanalmente o mensilmente. Mettendoci nei panni di Martin (e non solo) possiamo pero’ immaginare una certa delusione dopo la risposta di Rossi: ‘dico cio’ che posso‘.

Beh, penso che il post di questo lettore abbia espresso il pensiero di molti, ma spero anche che l’interesse verso l’E-Cat e la fusione fredda non cali a causa dei comportamenti di Rossi.

Intanto questa settimana sta destando un certo fermento l’eventualita’ che all’interno dell’E-Cat si generi dell’elettricita’.

Rossi non si sbottona al riguardo, e concede solo brevissime risposte che non aiutano molto a capire cosa stia succedendo.
Rispondendo a Frank Acland e Steven Karels, che tenacemente continuano a richiedere particolari in merito, Rossi afferma soltanto che e’ troppo presto per dire qualcosa di concreto. Ribadisce pero’ che il fenomeno e’ sotto osservazione, e che proprio oggi sono previste delle misurazioni. Ma, prosegue, in questo periodo di R&D e di validazioni non puo’ dare risposte a questo genere di domande.

 

 

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

I commenti sono chiusi.