E-Cat: gia’ in funzione negli USA?

ecat_32

Nonostante i recenti sviluppi (pubblicazione del report dei terzi indipendenti, la ricerca in Svezia di un cliente pilota e un’altra pubblicazione prevista per l’autunno) alcune abitudini nella storia dell’E-Cat sembrano destinate a non cambiare mai.

Dopo due anni infatti ci ritroviamo ancora spesso (troppo spesso) a fare congetture sugli sviluppi dell’invenzione di Andrea Rossi, oppure a basarci unicamente sulle sue brevi dichiarazioni rilasciate per lo piu’ sul suo blog sul Journal of Nuclear Physics.

Eppure ancora in tanti dimostrano un’incrollabile fiducia in Rossi, e obiettivamente qualche elemento in piu’ per averla l’abbiamo, ma come abbiamo detto piu’ volte il fitto mistero che ancora avvolge il reattore creato da Rossi e Focardi rischia secondo noi di diventare un boomerang. E speriamo non solo nei confronti dell’E-Cat, ma anche verso la ricerca sulla fusione fredda e le LENR.

Mentre nell’ultimo paio di giorni Andrea Rossi e’ stato stranamente assente dal blog (che resta comunque vivacizzato da interventi molto interessanti) in rete si rincorrono voci di un impianto E-Cat gia’ funzionante da qualche parte negli USA. Chiaramente non si sa chi lo stia gia’ utilizzando, sembra comunque un cliente ‘civile’.

Cosa ci sia di fondato in queste voci veramente non ci e’ dato saperlo, anche perche’ lo stesso Rossi nelle ultime settimane insiste sulla segretezza di questo genere di informazioni. Inoltre, stando alle sue dichiarazioni, lui ora e’ unicamente lo Chief Scientist della Leonardo Corporation. Si potrebbe quindi dedurre, come diversi sostengono, che ormai non sia piu’ unicamente lui a dettare le direttive amministrative e pubblicitarie del prodotto, e debba quindi attenersi a decisioni prese probabilmente da altri.

Ma, sempre secondo quanto sostenuto da Rossi, la ricerca continua a pieno ritmo. Speriamo quindi che vengano presto resi pubblici dei nuovi risultati.

 

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

I commenti sono chiusi.