E-Cat: l’elettricita’ a 1 centesimo/Kwh

ecata_41Le ultime novita’ riguardanti l’E-Cat hanno ravvivato ulteriormente l’attenzione intorno all’invenzione di Andrea Rossi.
Oltre all’ormai abituale ‘sfida’ tra sostenitori e detrattori, ci si stanno ponendo nuove domande relativamente alla produzione e commercializzazione del reattore. Rossi dal canto suo, anche dopo la rivelazione ufficiale da parte della Industrial Heat, ha continuato sulla linea del riserbo, rilasciando solo tramite il suo blog sul Journal of Nuclear Physics qualche piccolo dettaglio.
Ad esempio ha chiarito una volta per tutte che lui ora si occupa unicamente di R&D (Research & Development), e che non e’ piu’ coinvolto (sembra con un certo sollievo) nell’organizzazione commerciale dell’attivita’ che ruota e ruotera’ intorno all’E-Cat.
Rossi chiarisce ancora una volta che l’E-Cat servira’ a produrre energia termica o elettrica, con l’obiettivo prefissato (ma ancora non assicurato) di abbattere il costo dell’energia elettrica a 1 centesimo/Kwh. Ma, ammette Rossi, il lavoro da svolgere per la validazione e’ ancora tanto e l’R&D e’ da completare.
Sempre prendendo spunto dalle domande rivoltegli, Rossi dichiara che e’ nel suo stabilimento che si stanno svolgendo i cicli di validazione e R&D, cosi’ come la produzione dei reattori per gli impianti. Rossi poi ammette ancora una volta che non e’ ancora in grado di capire se i risultati dei test di validazione saranno positivi o negativi. Per quanto riguarda la produzione su larga scala dell’E-Cat, a detta di Rossi alcune parti della linea di produzione son gia’ state predisposte, ma la produzione vera e propria non comincera’ fino a che non saranno conclusi i processi di validazione e di R&D.
Dunque la situazione e’ questa. Ora che parte del mistero della trasferta americana di Rossi e’ stata svelata, forse qualcuno si aspettava una vera e propria conferenza stampa da parte di Rossi stesso.
A questo punto, secondo noi, sembra invece piu’ probabile che cio’ avverra’ dopo la pubblicazione del report sui test attualmente in corso, e, presumibilmente, se gli esiti dovessero essere positivi.

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

I commenti sono chiusi.