Attenzione ad Andrea Rossi

E’ un Andrea Rossi particolarmente colorito ed energico quello che in questi giorni risponde ai lettori del Journal of Nuclear Physics. Ed evidentemente lo stress per la mole di lavoro intrapresa e la pressione data dalla concorrenza lo rendono estremamente agguerrito e pungente.

Rispondendo ad un lettore che gli chiedeva informazioni circa un test sull’E-Cat che avrebbe dovuto tenersi il 20 febbraio, coglie l’occasione per lanciare vere e proprie minacce a potenziali concorrenti.

Rossi ci informa che nuovi test sui reattori ad uso domestico sono iniziati, che la tecnologia e’ completamente differente e nuove richieste di brevetto sono state avviate. A sua detta i risultati sono ottimi. Nessuna foto dell’E-Cat sara’ resa disponibile fino alla sua messa in vendita, e, prosegue Rossi,  la strategia con cui verra’ annientata la concorrenzza restera’ segreta fino all’ultimo.

Arriva quindi il pezzo ‘forte‘ della risposta. Rossi definisce chiunque pensi di comprare grandi quantita’ di E-Cat per poi cambiarne l’estetica e rivenderlo con un nome differente come il mago degli imitatori. Le vendite del suo prodotto saranno destinate esclusivamente ai suoi clienti e concessionari.  E inoltre Rossi lancia anche una stoccata (nemmeno troppo velatamente) alla Defkalion sostenendo che dalla zona dell’Egeo stanno arrivando migliaia di prenotazioni per l’E-Cat.

L’Ingegnere conclude poi avvisando chiunque tenti di copiare il suo reattore e i suoi brevetti che si trovera’ ad affrontare un esercito di avvocati. Infatti Rossi dichiara che non solo verranno applicati  prezzi estremamente competitivi, ma sara’ pronto a difendere i suoi diritti sulla proprieta’ intellettuale in qualsiasi sede sia necessario.

Uomo avvisato …

 

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

3 commenti per "Attenzione ad Andrea Rossi"

  1. daniele's Gravatar daniele
    marzo 5, 2012 - 10:24 pm | Permalink

    avanti cosi rossi!!! tieni duro !!!!

  2. Aldo's Gravatar Aldo
    marzo 5, 2012 - 10:52 pm | Permalink

    Nonstante la bontà dell’invenzione di Rossi, il petrolio resta ancora molto “flessibile”. In pochi minuti fai il pieno di energia con un peso molto contenuto, (le batterie pesano moltissimo e richiedono ore per fare il pieno).
    Speriamo che le soluzioni arrivino un pò prima che il petrolio finisca totalmente.

  3. guido's Gravatar guido
    marzo 20, 2012 - 2:02 pm | Permalink

    non farti corrompere dall’Elite! salva il nostro meraviglioso pianeta! tanti auguri

I commenti sono chiusi.