Settimana decisiva per l’E-Cat QuarkX: terze parti indipendenti lo stanno testando

test ecat quarkxEbbene, l’annuncio che stavamo aspettando e’ arrivato. Ieri, dalle pagine del suo blog sul Journal of Nuclear Physics, Andrea Rossi ha ufficialmente informato i suoi lettori che terze parti indipendenti hanno iniziato a svolgere dei test sull’E-Cat QuarkX. Questo test e’ un passaggio molto importante, e consistera’ sostanzialmente nella misurazione di dati fatta da terzi, per confermare la validita’ dei dati raggiunti sino ad ora dal team di Rossi. Inoltre questa notizia sembra confermare la possibilita’ di una presentazione pubblica in febbraio di questo modello di E-Cat.

Ovviamente l’annuncio ha destato molto interesse tra quanti seguono il lavoro di Rossi, ed immediatamente sono state inviate richieste a Rossi per avere maggiori dettagli. Ad esempio Frank Acland di E-Cat World ha chiesto: 1) se chi sta svolgendo il test e’ una terza parte oppure un potenziale cliente/partner; 2) esattamente cosa si sta testando e per quanto tempo si protrarra’ il test; 3) al momento quali sono i commenti fatti da chi sta svolgendo il test; 4) quale potrebbe essere l’impatto sulla commercializzazione della tecnologia di Rossi.

Come di consueto, la risposta di Rossi non si e’ fatta attendere troppo. Ecco cosa dice il nostro inventore: 1) del test di sta occupando un ingegnere di un’azienda militare statunitense; 2) il test durera’ tre giorni nei quali verranno testati COP e stabilita’, ossia affidabilita’; 3) al momento, sostiene Rossi, sembra stia procedendo tutto bene; 4) l’impatto sulla commercializzazione sara’ notevole.

Hank Mills invece domanda a Rossi se si fida incondizionatamente della persona che sta svolgendo il test e se questa persona ha assistito anche alla costruzione del Quark oggetto del test. Inoltre, Mills chiede anche se questo ingegnere verra’ a conoscenza anche della composizione del carburante del Quark, se testera’ solo la produzione di calore o anche quella elettrica, se verranno fatte delle registrazioni video e, per concludere, se dal test verra’ ricavato un articolo indipendentemente dai risultati.

Ecco cosa risponde Rossi a Mills: conferma di fidarsi di questa persona, che ha assistito alla produzione dell’E-Cat QuarkX. Il test riguardera’ solo la produzione di energia termica, ma non verranno resi noti i componenti del “carburante” del reattore. Inoltre, continua Rossi, dal test non verranno estratti ne’ video ne’ articoli.

Ma perche’ sara’ proprio un ingegnere militare a svolgere questo test sull’E-Cat QuarkX? Rossi sostiene di preferire di gran lunga gli ingegneri militari, poiche’ la loro preparazione e’ superiore alla media, e, nello specifico, questo ingegnere sta svolgendo un magnifico lavoro.

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

Un commento per "Settimana decisiva per l’E-Cat QuarkX: terze parti indipendenti lo stanno testando"

  1. Giovanni41's Gravatar Giovanni41
    dicembre 11, 2016 - 2:16 pm | Permalink

    Circa due anni fa mi ero già espresso sul tema “Rossi- ECat” in maniera scettica. Non tanto perché non creda alla validità tecnico scientifica della scoperta di Rossi ma quanto per la manipolazione che se ne sta facendo da oltre 5 anni con continui tira-molla, collaudi e contro collaudi, test e contro test, aggiornamenti e perfezionamenti, certificazioni e contro certificazioni. A questo punto anche un cretino si accorgerebbe che il tutto è condotto da poteri forti che non hanno alcun interesse che l’ECat possa essere reso pubblico. Ammesso che il prodotto abbia veramente le caratteristiche che Rossi decanta, (i dubbi a questo punto sono legittimi) rimane il fatto che comunque sarà utilizzato per scopi militari, al servizio delle forze armate americane e non vedrà mai la luce per utilizzi civili, a meno che non diventi obsoleto e praticamente inutile. Dispiace veramente vedere come vanno le cose, in Italia e non solo. Sono sempre i poteri forti a decidere cosa si deve o non si deve rendere pubblico, soprattutto se si tratta di qualcosa che può migliorare la qualità di vita a costo zero o minimo. Non sia mai che i detentori dell’energia, per pure sporca che sia, si possano vedere defraudati della loro oca dalle uova d’oro.
    PS. Sono quasi sicuro che questo mio commento non verrà pubblicato come lo è stato uno analogo che ho postato circa 2 anni fa. Ma non importa è già qualcosa che lo leggiate voi della redazione.

I commenti sono chiusi.