Un E-Cat funzionante a batteria? Andrea Rossi non esclude l’idea

ecat_55Frank Acland di E-Cat World, oltre a fornire un ottimo lavoro di divulgazione con il suo sito, pone sempre domande stimolanti sul blog tenuto da Andrea Rossi sul Journal of Nuchlear Physics.
In queste ultime ore, prendendo spunto da precedenti post in cui si parlava del Gas-Cat (ossia l’E-Cat alimentato a gas), Acland ha chiesto a Rossi cosa ne pensa dell’eventualita’ che sia una batteria ad alimentare l’Ecat.
Rossi risponde che l’idea e’ sicuramente interessante, sia dal punto di vista tecnologico che teorico. L’unico problema, aggiunge Rossi, e’ il costo: infatti  se l’energia elettrica fornita dalle batterie ha un costo competitivo con le altre fonti cio’ sara’ possibile. E quindi approfitta dell’occasione per chiedere se si ha un’idea del costo per Kwh dell’energia fornita da queste nuove batterie ad alta efficienza.

Acland al momento non ha una risposta, e gira la domanda ai suoi lettori.
Intanto pero’ un altro noto forumista, Steven Karels, interviene nella discussione dicendo che non vede il vantaggio dell’utilizzo di queste nuove batterie ad alta efficienza. Infatti Karels ritiene che non siano migliori dell’utilizzo diretto dell’elettricita’ e inoltre pensa che, se alla base del problema ci sia il costo del consumo, sia meglio concentrarsi sull’utilizzo del gas che al momento e’ relativamente piu’ economico.
Insomma, anche in assenza di reali novita’ l’invenzione di Rossi continua a provocare discussioni e curiosita‘. E questo, come sottolineato piu’ volte, puo’ essere solo positivo perche’ mantiene vivo l’interesse sulla ricerca sulla fusione fredda e sulle LENR e sulle potenzialita’ del loro utilizzo.

 

COSA NE PENSI? Inserisci un commento qui sotto...

commenti

I commenti sono chiusi.